Percorso: Home page /Il Giornale del 10 maggio 2006

 

L'asso nella manica di Alemanno? La società civile

Marcello Viaggio

Nella corsa al voto scende in pista, a sostegno di Gianni Alemanno, Donatella Poselli, esponente di spicco del mondo femminile e della società civile. Ieri lei e il candidato sindaco per la Cdl hanno presentato i candidati e il programma della Lista civica «Amore per Roma», di cui la Poselli è la numero uno. Per il sindaco Walter Veltroni la scelta di campo della presidente dell'Unione Italiana Genitori, insegnante di area cattolica, esponente del volontariato sociale, sindacale e politico, è una sconfitta bruciante. Donatella Poselli nel 2001 era stata eletta consigliere comunale come capogruppo della Lista civica per Veltroni. Ma dopo due anni, nel luglio 2003, aveva rotto con la coalizione di centrosinistra, e nel 2004 dato vita in Campidoglio al gruppo Legalità&Giustizia Sociale, nell'area di centrodestra. Ora l'abbraccio con Alemanno. E la decisione di capeggiare la lista civica, apparentata al candidato sindaco della Cdl. La vulcanica Donatella Poselli ha trascinato con sé centinaia di imprenditori, medici, avvocati, commercialisti, liberi professionisti, agenti immobiliari, giornalisti scientifici: «Nessuno di noi è un vip - spiega - siamo nomi veri della società civile vera. Ma crediamo fino in fondo in Alemanno. E la gente ha fatto a gara per candidarsi con noi al Comune ed in tutti i Municipi».
I numeri la dicono lunga: 60 candidati al Comune, circa 400 nei parlamentini locali. «Per il centrodestra la Lista Amore per Roma è un investimento - afferma Alemanno -. Avere tirato dalla nostra parte una larga fetta di società civile,

 

Torna alla Home page