Percorso: Home page /Il Messaggero del 7 settembre 2007

 

La pacchia è quasi finita


L’inizio ufficiale delle lezioni in tutte le scuole secondo il calendario scolastico regionale (12 e 13 settembre) si avvicina. Ieri intanto hanno riaperto i battenti in anticipo i licei classici Tasso e Kant e il liceo scientifico Newton. Il liceo classico Plauto e l’artistico di via Ripetta cominceranno il 10 settembre, scaglionata tra il 10 e l'11 settembre l'entrata in classe nel liceo scientifico Augusto Righi.
«Non ho notizia di alcun tipo di problema - commenta il direttore scolastico regionale Bruno Pagnani - nelle scuole che hanno già anticipato l’apertura dell’anno scolastico. Per noi comunque il primo giorno di scuola rimane quello previsto dal calendario della Regione. E in base a quella data ci stiamo muovendo: per quanto riguarda i docenti continuiamo a fare le operazioni di assegnazione delle cattedre, con lo scorrimento delle graduatorie per quelli che hanno rinunciato».
L’Ufficio scolastico conta di fare in tempo. «Al 98 per cento dovremmo farcela, ci potrà sempre essere qualche situazione non risolta ma saranno casi isolati. E comunque non vuol dire che la cattedra sarà vuota, ci sarà un supplente per qualche giorno prima dell’arrivo del docente definitivo». Infatti, le assegnazioni delle supplenze annuali saranno assegnate proprio il 12 settembre, come ha disposto l’ex Provveditorato.
Non sembra comunque che il problema degli organici affligga L’Ufficio scolastico regionale, «piuttosto stiamo cercando di risolvere problemi di edilizia scolastica - riprende Pagnani - di spostamento di qualche aula da un istituto all’altro, raccordandoci con la Provincia e i Comuni, abbiamo già risolto molti casi».
«Tutti in via di soluzione i problemi di spazi e aule», confermano anche dalla Provincia mentre Donatella Poselli, presidente dell’Unione italiana genitori riceve segnalazioni da parte di genitori preoccupati. «Dalla scuola elementare e materna Perlasca del Trullo, per l’incertezza sul ripristino dei bagni rotti, dei lavori iniziati per realizzare una scala antincendio che porteranno a smantellare il teatro della scuola costruito materiamemte e con i fondi dei genitori».
E ancora: «Nel 154° Circolo di Casalpalocco ancora nessun intervento risolutivo per eliminare le infiltrazioni d’acqua in alcune aule; c’è incertezza di poter rientrare a inizio d’anno alla Contardo Ferrini in ristrutturazione, lacori che si ripetono alla Giulio Cesare e alla Fausto Cecconi».
R.Tro.

 

Torna alla Home page